« Articoli precedenti Articoli successivi » Sottoscrivi Ultimi articoli

7 Apr 2017

POESIE SECONDA PARTE

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

la vita è piena di bastardi, che non vogliono nient’altro che toglierti il sorriso e un pezzo di te. la tua felicità. Allora non dargli retta, perchè in faccia ai superbi e ai maligni il tuo nome scintillerà…..

 

 

NON SEMPRE
Non sempre si può rimare
la tua anima in altomare
ogni rima potrebbe essere
assortita in questa piccola…
storia infinita
Non sempre può essere una festa
ecco perchè c’è una rima maldestra
non sempre può andare male
in questo ritiro ancestrale.
Si potrebbe anche cantare
per la paura di non restarci male
ma non sempre si può essere felici
diventeremo tutti degli storditi!
Alessandro Lugli

 

 

RIMA MALDESTRA
Vicoli sparsi
in rioni arsi
di cartacce
ed estorsioni…
lacrime interiori.
Vicoli inetti
di popoli maldestri
civiltà poco evoluta
di una cultura dissoluta
Vicoli e acri sapori
di come quando fuori piove
è sempre la stessa minestra
una rima maldestra
Alessandro Lugli

 

 

SAREBBE IMPORTANTE
Sarebbe importante vivere col cuore
per non darsi troppa dannazione
non avrai mai la tua libertà
se prima non segui il cuore…
lascia pure che la gente parli
loro non vivranno insieme a te
tu solo sei essenza di te
e ti ritroverai dipinto
come fossi un Re.

Lascia stare chi non vuol capire
sarà capace solo d’inveire
lascia stare lo stare male
non ritrovarti in altomare

Sarebbe importante vivere col cuore
basta che dai AMORE
Alessandro Lugli

 

 

SOMMO RISPETTO
Parole dette inutilmente
parole dette controcorrente
parole dette solo per parlare
parole dette in altomare…
parole dette in riva al mare
parole dette in cima al cuore
parole dette solo per sognare
parole dette solo per amare.
Restano solo parole
che non lasceranno
mai il segno
ma nel cuore
saranno come
un salvadanaio
sommo rispetto
Alessandro Lugli

 

 

RESTARE A MENO UNO
Potremmo essere tutti felici
basterebbe soltanto essere un pò più uniti
invece è la volgarità
a farla da padrone…
e qualche triste storia
che chiamiamo amore
I nostri avi pensavano solo a loro stessi
ecco perchè noi oggi siamo tutti depressi
bisognerebbe creare qualcosa dal cuore
ma dove vige la moneta
non c’è mai stato cuore ne amore
Se domani diventassi qualcuno
avrei giù al portone più di uno
ma dato che sono solo io
il mio nome scorre lento
in un lentischio.

Potremmo essere tutti felici
e avere davvero tanti veri amiche e amici
ma l’arte di perdonare è di nessuno
più facile è per la gente fare del male
e restare cosi a meno 1
Alessandro Lugli

 

 

NON CI SONO STORIE
In un meandro pieno di passione
pensiamo a quel che resta del nostro amore
In un meandro di ogni cuore
scende la notte…
per farlo riposare.
C’è chi sognerà storie impossiibli
c’è chi sognerà una guerra impossibile
C’è chi si vorrà svegliare presto
per sfidare il mondo
ormai in dissesto.

In un meandro pieno di amore
vedi dove nasce il sole
è un sole bello, grande e potente
come a volte certa gente
Domani la città si sveglierà
per vivere un altro giorno
c’è chi avrà armi in mano
e chi nel suo cuore
per amare e vivere
la vita con passione.

Ve lo giuro ho sempre lottato
anche se poi il risultato è cambiato
ma che ci vuoi fare
se è la sorte a giudicare
prendersela col Fato
non mi sembra un reato.
E tanto meno un peccato.

Ma quando ormai è tutto storto
ecco che nasce tutto col piede corrotto
allora qui fra Santi e Farisei
chiediamo aiuto
anche agli Dei.

Dei che quasi mai esaudiscono i tuoi desideri
anzi ne lasciano molti con le rime ancora nere
Rime che scopriranno altre persone
ma come te non ci sarà mai nessuno
Non sei tu in errore!

L’Errore è credere che tutti siamo perfetti
invece nasciamo tutti coi grandi difetti
questa è la strada che vuole il Signore

il resto è solo fumo
non ci sono storie.
Alessandro Lugli

 

 

UN GRANDE FESSO
Chi mi parla alle spalle resterà sempre e solo un mestierante
Chi mi parla per davvero è un amico sincero
Chi mi dice fesserie
è un serpente pieno di angherìe…
Chi non mi dice la verità
è una nota stonata
in questa realtà
Chi mi parla col veleno
è un disonesto per davvero.
Chi mi parla senza senso
ha le pile scariche
e cerca un inutile consenso
Chi mi cerca solo per avere
è un pezzente nell’anima
e dentro ha un cratere
Chi mi cerca solo per disprezzo
per me resterà sempre e solo
un grande fesso
Alessandro Lugli

 

 

SINCERO
Non me ne frega della società
chi vivrà vedrà
Non me ne importa di frasi fatte
sono tutte disfatte…
Non me ne importa delle convenzioni
sono solo illusioni
me ne importerebbe solo delle cose vere
che non siano chimere
Non me ne importa di chi mi tratta male
tanto non andrò al suo funerale
Non me ne importa di certa gente
che continua ad essere assente.
Non me ne frega di una falsa allegria
se rido, rido per davvero
io sono sincero
Alessandro Lugli

 

 

GIORNI E ORE
Stare seduto
aspettando un aiuto
restare in ascolto
con l’umore storto…
vacillare per ore
e pensare con amore
un amore vero che
sappia essere sincero
Rime vicine di antiche cantine
usate come filastrocche
in queste strade sporche
piene di sogni e desideri
raccolgo i miei pensieri
vorrei un vero amore
mentre resto solo per
giorni e ore
alugli

 

 

MALDESTRO
Stelle caduche noi siamo
ci gettiamo in fondo al mare
con scie luminose
che sfiorano l’orizzonte…
ma la notte
è già piena difronte
Come la luna che resta ad ascoltare
parole che non si riescono a decifrare
anche Dio porge l’orecchio
di questo sogno fumato
cosi maldestro.
Alessandro Lugli

 

 

PIOVE
Piove nel mio cuor
anche quando c’è il sole
Un sole fragile
di un giorno fragile…
e negletto
pieno di uno strano e timoroso
dispetto
Non fai in tempo a gioire
che devi sempre un pò patire
in questo mondo da rifare
di nuove rime da inventare

alugli

 

 

TEMPO BRUCIATO
Dopo la pioggia
esce sempre l’arcobaleno
Dopo il temporale
vien fuori il sereno…
Dopo lo stare male
torna la serenità
ma il tempo bruciato
chi ce lo ridarà?
Alessandro Lugli

 

 

NIENTE DI PIU’
Siamo meteore in questo firmamento
che non mi vuole
Siamo sterili in questo amore
che mi duole….
Siamo diversi in questo mondo
cosi perennemente
uguale che tutto
ci fa male.
Siamo falsamente felici
dentro un’illusione
siamo stanchi
dentro certe ore.
Siamo fiammiferi
con un anima deserta
siamo solo carne
senza niente dentro.

Siamo solo noi
non trovo niente di più
mi hanno ammazzato l’anima
non puoi farci nulla neanche tu
ogni giorno che verrà
sarà un giorno di più

Siamo soli
niente di più.
Alessandro Lugli

 

 

UNA SVOLTA
Un giorno c’eri tu ad illuminare la vita mia, adesso guardo il cielo e cerco un pò di sereno.
Un giorno c’eri tu a darmi speranza
spero di non restare sempre solo
in una stanza…
Un giorno ti amavo davvero
ma forse amavo solo la mia tenera età
un giorno forse tutta questa solitudine passerà.
Dicono sii forte
Dicono che ci vuoi fare: è la sorte
Un giorno speravo che tutto andasse bene
adesso forse basta che mi vuoi bene
ma tu sei e sarai solo amore immaginario
di un cuore solitario
nato e cresciuto per forza
che aspetta sempre una svolta.
Alessandro Lugli

7 Apr 2017

PRIMA PARTE NUOVE POESIE

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

APPLAUSO
Lontano
tutto
è lontano
è poco…
chiaro
tutto sembra
dimenticato
resta solo
il mio nome
che in mezzo ai
superbi e ai maligni
scintillerà
e un applauso delle vostre menti
mi gratificherà
Alessandro Lugli

 

 

TUTTO DA IMPARARE
La vita è fatta di momenti
e di chiari intenti
la vita è fatta anche di guai
e meno ne vuoi e più ne hai…
La vita è cogliere l’attimo veramente
ma a volte è deprimente
la vita non si può raccontare
ci si deve fare!
La vita a volte è armonia
ma è anche compagnia
La vita è sempre più forte di te
sempre in bilico per un se.
La vita è anche fortuna
quando sei a un passo dalla luna.
La vita è anche questione di simpatia
ma non di falsa allegria
Non ci crederai ma la vita
è anche questione di bellezza
e di chi senza fare storie
ti apprezza
Se purtroppo hai poco da dare
resterai in altomare
poi diventi depresso
non sei più lo stesso
che ci vuoi fare
la vita è ancora tutta da imparare
Alessandro Lugli

 

 

AMAMI
Amami di giorno e di notte
amami nella albe e nei tramonti
amami fino a quando viene sera
amami ora che è arrivata la primavera…
Amami anche se non sono niente
amami controcorrente
amami per le mie rime inventate
amami ammirando questo dolce mare!
Amami solo per amore
Amami solo qualche ora
amami a me basta un minuto
amami senza bisogno di aiuto !

Amami e sarò desto
amami nel deserto
amami sotto il sole
amami sotto le scuole
amami sul motorino
amami anche se ci vede il vicino!

Amami che facciamo di male?
Amami sotto questo temporale
Alessandro Lugli

 

MARE
Il mare prende il colore dal cielo
e ogni viaggio diventa sincero
il mare è amaro come le lacrime
ma tutti lo ammiriamo come nelle favole…
Il mare è solo un pò di acqua salata
ma con lui ogni rima diventa disperata
Mare che bagna quasi tutta la terra
il resto è solo deserto senza alcuna ricompensa
Alessandro Lugli

 

 

POESIA
Non scrivo poesie per cercare donne
scrivo poesie per amare come un folle
Non scrivo poesie per dimenticare
scrivo poesie per campare…
Non scrivo amori nella sabbia
scrivo storie vere con la traccia
Non penso ai mali interiori
ma cerco gioie in tute le situazioni.
Non scrivo rime per cantare
scrivo poesie per pensare
per allargare orizzonti falsi
per dileguarmi con nuovi scambi
Resta tutta una pia illusione?
Ma io non sono un cantastorie
io non scrivo nessun testo
vorrei solo un pò di educazione
impossibile è il rispetto.
Non scrivo per cantanti d’autore
io scrivo solo brevi storie
storie d’anima
e stralci d’orizzonte
in riva al mare
seminascoste !!
Pensieri che col tempo vanno via
come questa ennesima poesia.
Alessandro Lugli

 

 

ARCOBALENO

Non cerco sogni

ma sogni di vita

Non cerco sogni

ne una rima sbiadita

Non cerco illusioni

ma adesso solo belle realtà

Non cerco desolazioni ne omertà.

Non cerco amori inutili

in preda al consumismo

vorrei un amore vero

senza egoismo

No a due cuori

e una capanna

davvero io non ci credo

cerco però un amore sincero.

Gli anni son passati

con la rabbia addosso

e più ci pensi e più non posso

Allora cerchiamo di abbattere

quel muro

e di amare anche spalle al muro

Allora cerca di capirmi

senza inutili e dannosi

isterismi

senza qualunquismi

a profusione

come un certo dittatore

vorrei solo un amore vero e sincero

che faccia rima con ARCOBALENO

Alessandro Lugli

 

SENZA GLORIA
Amare la natura
o quel che rimane
di essa
in questa strada sconnessa…
dove è impossibile trovare
la giusta emozione
era mia intenzione.
Si nasce un pò dove capita
dobbiamo accettare questa condizione
anche se spesso diventa un male interiore
Amare la natura
o il pensiero di questa
già è importante
in questo mondo
sempre più distante
che sembrano passati
anni luce
da Giorni Difficili ma felici
La gioventù passa
e non ritorna più
è sempre la stessa poesia
detta a volte con ironia
è sempre la stessa cantilena
di una fiaba per addormentarsi
quando è sera
è sempre la stessa storia
di Giorni difficili
senza gloria.
Alessandro Lugli

 

 

RIME STONATE
Troppe lacerazioni interiori
troppe toppe visibili al cuore
troppi stati di calma apparente
troppe strade che non portano…
a niente
troppi voleri nascosti
troppi giorni scossi
troppi lamenti interiori
che fanno scia con le lacerazioni
Troppi Soli nel cemento
troppa pioggia in un tormento
troppi guai uno sull’altro
adesso cosa vuoi?
Un disastro!

Troppe storie arruginite
troppa vita che scorre tra le dita
troppi posti sempre uguali
troppe storie con troppi ideali
adesso cosa vorresti?
Solo pareri onesti?!
Troppa comodità
che un giorno svanirà
troppa stanchezza e noia depressa
troppe troppe troppe
cose che non sono andate
che racconto se capita
in rime stonate
Alessandro Lugli

 

 

IL NOSTRO SOLE
Sole che brilla nel cielo
sei la stella del firmamento
più vicina che c’è
e la sera ti bevi un pò di thè…
per poter meglio riposare
ti prego lascia stare
tutte le cattiverie
dell’intera umanità
non essere senza pietà
ma guardaci sempre
con il tuo sorriso
per sperare in un amore condiviso.
Sorriso solare sulla terra
sei tu che crei la scintilla
Quando piove
non disperiamo
sei sempre li nascosto
e ci guardi circospetto.
A noi che cerchiamo amore
tu sei e resterai per sempre
il nostro SOLE
Alessandro Lugli

 

 

SAREBBE UN REATO
Tu mi ricordi la posta
le lunghe fila
e l’attesa
e quella sorpesa tanto attesa…
tu mi ricordi la posta
e la tanta gente accalcata
una fila disperata
per prendere un sogno
per accedere ad un incontro
Tu mi ricordi l’America
e le tante religioni
in via d’estinzione
e la razza unica
che è quella umana
tutti in filigrana
Tu mi ricordi l’amore
che non si può dire
ma non è peccato
dirlo sarebbe un reato
Alessandro Lugli

 

“Come sarebbe bello conoscere una ragazza umile, ossia una ragazza con un cuore, semplice e sincera come la primavera”
Alessandro Lugli

 

 

LA PRIMAVERA
La Primavera portò un pò di sole nel cuore
e necessito amore
nel mio e nel nostro cuore
disincanto interiore…
dov’è l’errore?
In fondo al cuore
c’è una dolce chiarezza
e tu sorridevi della mia eterna timidezza.
E nel nostro dolce sognare
una rima non fa mai male
e nel nostro eterno migrare
ci sentiamo come uccellini
all’imbrunire nello stormire.
Sta per calare la sera
anche adesso che è Primavera
necessitiamo d’amore
per colmare
questo vuoto interiore
Vuoto d’amore
per colmare l’errore.
Alessandro Lugli

 

 

EROE FRA LA GENTE (POESIA PER SAN FRANCESCO)
Umile di cuore
ricco di famiglia
aiutavi il mondo
dei poveri…
pieno di mestizia
Parlavi agli uccellini
e agli uomini soli
nel tuo cuore
molti allori e tesori.
Urlasti il nome di Gesù
in preda alla disperazione
e lo trovasti dentro di te
per tante ore di amore.
Infondevi coraggio
con la tua grande fede
sciogliesti i lacci e le catene
Amando Amando
il mondo ti ricorderà per sempre
Nobile San Francesco
Eroe fra la gente.
Alessandro Lugli

 

 

UN LIETO FINE (POESIA PER PAPA GIOVANNI PAOLO II)
Il Papa Santo della nuova generazione
provasti amore
per tutte le persone
unisti le razze e le religioni…
cambiasti il mondo
pieno di delusione.
Uno sparo tra la folla
non cambiò il tuo destino
l’amore e la gioia vinsero
su ogni declino.
Declino dell’umanità
privo di riconoscenza
la Santità ti spettava
come citta d’appartenenza
Amasti tutto il mondo
fino alla fine
in tua assenza
tutti noi aspettiamo ancora
un lieto fine
Alessandro Lugli

 

LA PACE
Quando verrà la pace
una colomba bianca
volerà nel cielo azzurro
e l’arcobaleno illuminerà…
tutto l’infinito cielo.
Quando la pace verrà
canteranno gli uccellini
che dal loro nido
scenderanno nei prati infiniti.
Quando la pace verrà
suoneremo nuove armonie
e tutt’intorno sarà primavera
Quando la pace verrà
cesseranno di rumoreggiare
i cannoni
e un fiore
vorrà significare davvero: Amore
Alessandro Lugli

 

 

Quando vedrai che tutti pensano male di te perchè parenti e affini, amici, dicono che è meglio evitarti, tu potrai sempre frustare i cavalli sugli occhi e farli piangere

 

Datti un’altra possibilità, anzi datti tante altre possibilità perchè è sempre meglio dartene un’ altra
che non dartene più.

 

 

PRIMA PARTE NUOVE POESIA

11 Mar 2017

poesie in serie

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

MISTERO
Compare l’arcobaleno ed inizia il mistero
Di strade sempre uguali nella paura del domani….
La gente fa la storia ma è una storia di solo cuore
a volte imbrigliata nella confusione.
Chissà cosa rimane del tempo andato via
Chissà se tutto questo ha un senso
se un senso gli vogliamo dare.
Scompare l’arcobaleno ci restano solo le emozioni
i ricordi di un luogo gioie e sofferenze interiori.
Ti posso solo esaudire nelle tue fobie è inutile negarlo
vivo anche per questo per far capire che c’è di meglio
quindi prendete esempio e cambiate la vostra posizione
tutto potrebbe complicarsi e aggravare la situazione
Cerchiamo di cambiare sennò va tutto in altomare
scomparirà anche l’arcobaleno quel che resta è un mistero.
Alessandro Lugli
 COME FOSSE UNA DANZA
Verranno i nuovi giorni di speranza
verranno i nuovi giorni di gloria
ci manca una buona nuova ci manca una bella notizia…
in questo mondo cosi colmo d’avarizia
c’è chi brama e chi ti vizia.
Io vorrei un cielo sereno
io vorrei un mattino lieto
io vorrei parlarti d’amore
e chiedere se magari domani piove.
Verrà l’estate con la sua marea
verrà la pioggia con la sua Odissea
Verranno i nuovi giorni di speranza
vorrei viverli in pieno
come fosse una danza
Alessandro Lugli
E’SERA
E’ sera innanzi primavera magica atmosfera…
di rose rosse di stelle accese di amori in corso
di rime sospese.
E’sera il tuo ricordo si avvera
E’sera in questa immensità assieme alla luna che fa da pendant.
E’ sera nella mia malinconia nel mio ricordo di te
triste ma sincero.
E’ sera verranno nuovi giorni di una sognata primavera
sperando in una nuova felicità in rima allegra.
E’ sera c’è chi non dispera e abbraccia l’ovvietà.
Segui sempre la tua strada anche se ogni tuo obiettivo è futile
anche se ogni tuo obiettivo è ormai lontanissimo.
E’sera c’è una strana atmosfera di una imminente e gaia primavera.
Alessandro Lugli
ROSSA
Rossa beltà di una dolce età
lettura perenne di un libro …
di strenne
comuni amenità delle nostre magre età
Viso sincero in un tomento di veleno
Chiese rumorose e treni portentosi
Paura di amare voglia di sognare
leggera allegria in questa malinconia
Alessandro Lugli
DOLCE STELLA
Dolce stella tu che ti muovi nella notte più buia che c’è…
regala luce a questo firmamento per tutta la notte
Non solo per un momento. Accendi luci e amori nei nostri cuori.
E illumina di speranza chi non ne ha più.
Stella ci resti solo tu solo tu ad illuminare il cielo
aspettando che arrivi presto il giorno e il sereno
Alessandro Lugli
GINESTRA
Senza amore non si va avanti
e intanto il mondo vive solo per i contanti.
Senza amore la famiglia non cresce…
e intanto se cresce, la famiglia spesso non riesce!
Senza soldi non c’è amore te lo dico a malincuore!
Allora amiamoci per davvero ma di un amore sincero
senza limiti e nè confini per sentirsi più vicini.
“Lontano col corpo ma vicino col cuore”
è l’inno di questi anni pieni di grigiore.
A volte un barlume di Sole illumina
la nostra finestra quel che esce fuori
è un fiore che tu chiami: Ginestra
Alessandro Lugli
STELLA COMETA
Mi manca il tuo cuore pieno di parole
mi manca il tuo amore pieno di calore…
mi manca il tuo riflesso lucente come uno specchio
eri piena d’attenzioni un incanto di poche parole
sei volata via lasciandomi la tua scia come una stella cometa
piena di segreti.
Piena di piccole parole e di piccoli gesti gesti
che fanno bene al cuore
Al nostro cuore cosi maltrattato e deriso
che cerca un pò di sole un amore condiviso
Come una stella cometa sei andata via
lasciandomi per sempre la tua scia
Alessandro Lugli
 RAGAZZA INNAMORATA
Ragazza innamorata stanotte ti ho sognata
 ti ho anche pensata sotto un cielo di stelle amata…
poi mai dimenticata e come la notte sei poi svanita
Ora sei un prato colorato che odora di natura
non hai più paura grazie perchè per me ci sei sempre stata
Ragazza innamorata che provochi pianto e amore,
misto a tenerezza e rassegnazione gaia ribellione!
Ragazza innamorata una vita ti ho sognata mai
dimenticata in una notte colorata.
Alessandro Lugli
UNA SVOLTA
Un giorno c’eri tu ad illuminare la vita mia, adesso guardo il cielo
e cerco un pò di sereno. Un giorno c’eri tu a darmi speranza
spero di non restare sempre solo in una stanza…
Un giorno ti amavo davvero ma forse amavo solo la mia tenera età
un giorno forse tutta questa solitudine passerà.
Dicono sii forte Dicono che ci vuoi fare: è la sorte
Un giorno speravo che tutto andasse bene adesso
forse basta che mi vuoi bene ma tu sei e sarai solo
amore immaginario di un cuore solitario nato e
cresciuto per forza che aspetta sempre una svolta.
Alessandro Lugli
  LISTE NERE
Età senza amore perso fra le strade del quartiere
misere, miserie… finta onestà. Età al rallentatore ragazz
e che non ci sono più tutti dietro uno schermo di protezion
e cerchiamo attenzione. Età senza più consigli siamo diventati
come birilli che altri ci possono manovrare senza più niente sperare.
Era bella quell’altra età che mai più ritornerà e con le lacrime
agli occhi contavamo i rintocchi. Senza un soldo in tasca
si sperava con molte rime in mano Età senza desideri
protocolli da sfogliare liste nere.
Alessandro Lugli

Tags:

9 Feb 2017

premio

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

Ringrazio la Presidentessa dell’A.I.P.H. Dott.ssa Elisabetta Busiello per avermi insignito di questa targa per la poesia “Parole”, presente in questa agenda poetica che vedete in Foto sempre pubblicata dall’A.I.P-H. DELLA DOTT.SSA Elisabetta Busiello. E’ un Premio Poetico di Critica Letteraria molto importante. E sono contento di averlo vinto io.

 

 

 

 

 

29 Gen 2017

poesie ancora

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

ESAGERATA
Sei esagerata come una gatta innamorata
sei esagerata come le parole che dici annebbiata.
Sei esagerata come il voler proibire un qualcosa
che in te è maturata!…
Sei esagerata perchè non perdi mai l’occasione
sei esagerata perchè sei in pensione!
Sei esagerata perchè le tue parole possono solo far male
sei esagerata come i complimenti falsi di certa gente scellerata.
Sei esagerata: questo è il tuo motto.
Una poesia o solo un verso poco conta
con te ci vuole la scorta!
Alessandro Lugli

 

 

FALSA
La gente è falsa e mestamente resta cosi
in un groviglio irrisoluto di finte emozioni
La gente è falsa ed è cattiva dentro
Dio non è nel suo Regno …
La gente è falsa e pensa male
disgusta però proibisce
come certi preti in panne
La gente va in Chiesa
poi bastona i figli
e non mostra mai amore
ma solo gli artigli
La gente a volte ti dice “bravo”
lo urla in faccia
ma dietro le spalle ti ammazza
la gente certa gente sarebbe meglio evitarla
perchè a volte stanca
a volte dice quello che gli conviene
come certe strane sere.
Alessandro Lugli

 

 

ZERO
Nessuno è il migliore
è solo un invenzione
nessuno è meglio di te
se guardi quello che non c’è!…
Nessuno ti da amore
se lo vuoi gratuitamente
nessuno non ha cuore
se ragioni con la mente.
Nessuno è il peggiore
tutti numeri uno e va bene
Nessuno è uno zero
ne servono tanti per far
qualcosa!
Nessuno è come sei tu
siamo tutti essere speciali
Nessuno è come dici tu
ognuno segue un ideale
Lo zero è solo un numero
che viene prima dell’uno
portagli rispetto
sennò non esisterebbe
tutto il resto.
Alessandro Lugli

 

 

AMAMI
Amami di notte e di giorno
amani col vento e col sole a dirotto!
Amami fino a sera
amami senza pensier…
amami nella mia ingenuità
amami nella strada che va
amami senza rispetto
amami stretto nel tuo petto
amami fino a domani
amami non si mai
amami finchè amore c’è
amami come fossi un Re
Amami tanto o non amarmi più
perchè non mi ami
se non mi ami
come sai fare tu
Amami forse sarò strano
amami sul deltapiano
amami su un altura
amami con più cultura!
Amami fino al Paradiso
Amami con un sorriso
Alessandro Lugli

 

 

IERI
Ieri c’eri solo tu
ieri c’era solo nostalgia
ieri tutta la vita mia
legata ad un se…
ieri ed oggi
non so il perchè
Ieri era solo ieri
e pensavamo al domani
oggi pensiamo al domai
senza nessuna certezza
senza nessuna allegria
solo nostalgia
solo nostalgia
RInasceremo insieme un altra volta
torneremo più forti di ieri
torneremo pieni di desideri
e pieni di allegrie
e come lieve bagliore del cielo
ammireremo l’arcobaleno
Alessandro Lugli

 

LONTANA DA ME
Sei lontana da me
anni ne sono passati
ormai.
Quella era un altra vita…
quella era gioia infinita
quella eri tu
come mai non ricordi più?
Adesso che ci resta?
Solo una rima nella testa
Adesso che ci rimane
solo uno stivale!
Sei lontana da me
e vivo di gioie altrui
e come in cima ai miei pensieri
di oggi e di ieri
tu ci sei ancora
ancora un’ ora
ancora un’ora
Basta sono solo illusioni
le mie sensazioni
le mie sensazioni
sarò sempre schivo e muto
come una Musa che non può parlare
sono sempre solo in Altomare
sono sempre solo
io a pensare
Adesso che ci resta?
Adesso che ci resta?
Solo poesia
solo una poesia
Alessandro Lugli

 

 

23 Gen 2017

POESIE DUE

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

SERA
Sera piovosa
nei menadri di questa città
Sera maestosa più oscura di un caffè
Sera piena di natura dall’aria inebriante…
Sera dal cuore accecante
piena di stelle
stelle annerite dalla pioggia
pioggia di lacrime
le lacrime della nostra vita.
Sera di suonatori che intonano vecchie canzoni
sera di amori che si mandano messaggi dal futuro
Sera piena di pietà
per chi ci capirà
Sera piena di illusioni
fatta solo per gli eroi
Sera senza una lacrima
perchè ne è già piena il tuo cuore
sera senza amore
adesso dove sarà?
Sera senza più età
e passa accanto a me un gattino
che son il suo miagolìo mi implora
ancora amore
Sera basterebbe un cuore
Alessandro Lugli

 

 

UN FIORE
Un fiore vuol dire tante cose
un fiore vuol dire armonia
un fiore vuol dire vita mia
un fiore vuol dire : amore in costruzione…
un fiore vuol dire: ti voglio bene ancora
un fiore è solo un fiore
e non ha bisogno di una vera spiegazione
ma il fiore è sempre il simbolo dell’amore
e dell’armonia
un fiore è poesia
un fiore simbolo per noi sognatori
un fiore è sempre nel nostro cuore
Alessandro Lugli

 

UN SOGNO
Un sogno è tutto quello che c’è
un sogno è lontano da me e te
un sogno è dentro di noi
un sogno è prima e poi…
un sogno è piangere adesso
un sogno è un amore espresso
un sogno è qualche storta riga
un sogno è una gioia impunita
un sogno è un pò d’allegria
un sogno è una vera poesia
un sogno è una rima vera
un sogno è una gioia ciarliera

Alesssandro Lugli

 

POESIE PER SEMPRE
Amore mi manchi
sui marciapiedi polverosi
di questa immensa città
ed io camminerò con la speranza…
di incontrarti un giorno
non che questa sia
la fine del mondo
se ho toccato il fondo
ognuno ritorni nel suo passato
e col suo destino disegnato
come si trovasse in un teatro
dove non si paga il biglietto
e l’importanza di essere onesto
non che sia la fine del mondo
se ho toccato il fondo
mi saprò rialzare
per poi ricominciare
e per non sentirmi in altomare
io che sogno da sempre
poesie
poesie per sempre
a.lugli

20 Gen 2017

poesie

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

SCRIVO POESIE
Scrivo poesie da sempre
ma vado controcorrente
Scrivo poesie per sognare
io quasi sempre in altomare…
Scrivo poesie per vivere
ma le scrivo senza ridere.
Scrivo poesie per credere in me
la cosa più bella che c’è
Scrivo poesie per ricominciare
quando tutto diventa storto
in questo mondo
Scrivo poesie da quando mi manchi tu
lo dicono in tanti
pure io
pure tu
Alessandro Lugli

 

 

 

FESTA
C’è sempre un soffio che parla d’amore
Cӏ sempre il tuo sguardo che fa rima con cuore
C’è sempre una dolce ginestra
C’è sempre un pò di rima in una tasca…
C’è sempre un mare per chi vuole amare
C’è sempre amore per chi vuole dare
C’è sempre un sole per chi si vuole riscaldare
C’è sempre un bene per chi odia il male.
Ci sei sempre tu vicino alla finestra
chiudo gli occhi e
comincia la festa
Alessandro Lugli

 

 

UNA ROSA
Ho amato una rosa
e la spina è entrata
nel mio cuore
e li riposa…
Ogni tanto
si risveglia
e mi punge
fin dentro.

Ho amato una rosa
e l’ho vista in ogni cosa
soprattutto nel sole
e fra la gente
con la sua fragranza
sempre clemente.

Ho amato una rosa
ma si è persa
in questo mondo
privo di amore
adesso riposa
sopra un ramo
il mio cuore in
una mano
Alessandro Lugli

 

 

NEL CIEL
Nel ciel ho visto il sereno
spuntò l’arcobaleno
nel cielo c’è una finestra
e una rima sempre in testa…
E’ verde quel dolce prato
un pò di neve lo ha annaffiato
ma tra poco il verde tornerà
e questo inverno se ne andrà.
Le stelle illuminano la notte serena
e anche quando piove
c’è luce tutta la sera
ho sognato un mondo migliore
e ho sognato anche io per ore.

Nel ciel torna il sereno
e ho visto d’ incanto
l’arcobaleno.
Alessandro Lugli

9 Dic 2016

IDEE E SUPPOSIZIONI DI ALESSANDRO LUGLI

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

questo è un discorso che non mi tocca, però noto che molte donne si lamentano perchè sui social network incontrano uomini poco educati. Io ci tengo a dire: se cammini per certe strade incontrerai codeste persone. Ossia se tu su facebook ad es. metti foto dove sei in minigonna oppure dove mostri il seno o in gruppi dove incitano la figa o il pisolo è normale che tu donna, facente parte di quel gruppo sarai subissata da richieste o altro di maschi assatanati. Ma se tu donna non fai parte di questi gruppi e metti foto normale e non provochi il maschio, vedrai che difficilmente ti romperanno le scatole. Ho notato di una donna che si lamentava delle continue lusinghe da parte degli uomini. Le foto di questa donna sembravano tratte da Play-Boy. Allora io mi domando e dico: “Ma di cosa ti lamenti”?-Lo hai voluto tu

2
l’educazione dei genitori è una sciocchezza, perchè alla fine è la società dove vivi che ti forma. Le esperienze che ti formano. LE palle che hai. Uno su mille

3
Vorrei non tanto persone che scrivono su facebook o sul muro del tuo quartiere, vorrei maggiormente persone che leggono su facebook e sul muro del tuo quartiere

4
Ricorda: il passato non torna mai e solo una illusione pensare che il passato possa tornare. Per passato tutti noi intendiamo i ricordi belli. Chissà perchè, invece le cose brutte del passato tornano sempre stanne certo/a

5
è normale che nessuno mi segue: siete tutti pieni dei vostri soldi e delle vostre insane abitudini, che non vi curate di nessun cambiamento, ma pensate solo ad aumentare il vostro io di stronzate. Più la stronzata è grossa e più il vostro ego non pensa ed è soddisfatto. Io che sono la mosca bianca posso essere solo un danno, una caccia alla streghe. Un castigo di Dio

6
Dicono che per ” essere una donna ci vuole cervello non basta mettersi le scarpe coi tacchi etc”. Per me sono tutte stronzate. Sono stronzate perchè alla fine poi come si dice a Napoli “abbuccate a cape cu tutt quant”. Fate tanto le puritane e poi basta una ricarica al cell per ve fotter. Ma e che cazz stamm parlann ? Non esistono più le donne di un tempo, come le nostre nonne, ai tempi della guerra, che lavoravano anche 10 ore al giorno sotto i bombardamenti. E le ragazze di oggi? Sono dieci volte peggio di quelle dei miei tempi. Ragà la società si è imbastardita e quann è fernuta a benzina ‘a voglia e cammina a pere
Vabbuò

7
Come può una persona che vive nel benessere, ambire a cambiare il mondo dei poveri. Siamo sicuri che i poveri vogliono cambiare? Siamo sicuri che tutti quelli che pregano Dio, se lo vedessero saprebbero cosa dirgli?
C’era un tizio che diceva in una piazza in un corteo di disoccupati: “Voglio il lavoro, voglio il lavoro”
Un tale lo fermò e gli disse: “Senti ho un lavoro per te, ben pagato”.La risposta del disoccupato fu subitanea: “Ma con tanta gente che c’è proprio a me dovevi propormelo?”. E continuò la sua strada urlante: “Voglio il lavoro…”

8

Io credo che più che andare nelle piazze a protestare dovremmo avere delle idee nuove dentro di noi per cambiare la situazione. Dobbiamo svecchiarci dalle vecchie ideologie che vogliono che protestiamo al fine di non pensare a nuove idee che possono cambiarci davvero. C’è bisogno di idee non di proteste

9

ci vogliono idee non proteste cazzo
allora prima cosa: riaprire le case di tolleranza. Anche perchè con tutte le malattie che ci sono in giro, è meglio cautelarsi. Liberalizzare le droghe leggere? Qui bisogna parlarne perchè non sono d’accordo al 100 per 100. Poi dare un sussidio a tutti i disoccupati e agli invalidi. Ma il sussidio non deve essere di 100 euro al mese bensi di 1000 euro al mese. A tutti i disoccupati. Basta eliminare le pensioni faranoiche ai deputati e limitare gli stipendi ai calciatori di serie A, ed il gioco è fatto. Poi avere a disposizione cibo buono in negozi rinomati in tutta Italia a costo zero per i poveri e gli invalidi. Ossia la tua pasticceria preferita, quella che ti da i dolci la domenica vede me che sono povero e mi da una pizzetta gratis in modo che io posso mangiare.
Aprire spazi per i bambini che vogliono giocare. Sviluppare le scuole calcio e alfabetizzare la popolazione.
Queste sono idee
sono all’inizio
Poi 5 stelle, forza italia, etc vogliono solo fotterti. Non ti danno i soldi. Vogliono solo stare bene loro. La Lega peggio ancora.
Continua

30 Nov 2016

L’Amore

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

L’AMORE
L’amore cambia la vita
di pari passo con l’infinito
di sogni ne abbiamo ancora
a volte basta solo mezz’ora…
la gente ci tratta come
delle prede da acchiappare
e noi spesso ci rimaniamo male.
L’amore basta all’amore
non chiede nulla di più
la differenza ora falla tu
Alessandro Lugli

26 Nov 2016

alcune poesie

Posted by Alessandro Lugli. Commenti disabilitati

STRADE
Strade sempre uguali con la paura del domani
Strade senza senso in cui vive il tormento
Strade senza nome dove sono nate molte storie
Strade di ribellioni, senza mai vere storie…
Strade di cemento piene di tormento
Strade di lampioni, di pizze fredde,
di sigarette, di chiese, di erosione
strade piene dii discussioni
Strade come salotti
dove c’è una storia nuova
Strade con un cinema li in fondo
e la tua poesia da contorno
Strade di musiche sempre le stesse
di quadri appesi di musicisti e di poeti
di cuori senza paure
di nuove avventure.
Strade e quante ce ne saranno ancora
in questa vita a volte piena di noia.
Strade e rime accese
di nuove pantere
Alessandro Lugli

 

 

E CI SON LE STELLE
E ci sono le stelle
ma non nel ciel
nel mio cuore
e ti penso per ore…
chissà che farai
a chi pensarai
certo io son caduto
però ti ho vissuto
sei una storia strana
per chi vive senza grana
meglio aver amato e poi
finito che il non aver mai
amato un amore finito.
E ci son le stelle
ma non nel ciel
solo nel mio cuore
io che ti penso da
giorni, mesi, anni e ore

 

 

ED E’ SABATO SERA
Ed è sabato sera
i nostri cuori
fanno primavera
in un sol istante…
tutto si colora
molta gente è sotto le lenzuola.
Ed è sabato sera
tu sei vicina al mio cuore
eppure sei distante
da anni e nel mio cuore
vibri ogni istante.
Sabato sera
tutti a sognare vecchie emozioni
tutti a sognare un mondo bello
e ricco di imperfezioni
imperfezioni che rendono il mondo
originale cade la pioggia sulle strade.
Ed è sabato sera
domani ci saranno le partite di pallone
e noi a sognare cieli e prati immensi
persi nei meandri dei nostri cuori.
Ed è sabato sera
te ne sei appena andata
ma non mi manchi più
scusa ma la rima mi
viene meglio
con un “l’hai voluto tu” !
non sei l’unica a soffrire
in questo eterno patire.
Ed è sabato sera
si scioglie la città
chi vivrà vedrà
un mondo più vecchio
di un anno fa.
Alessandro Lugli