11 Mar 2017

poesie in serie

Scritto da Alessandro Lugli

MISTERO
Compare l’arcobaleno ed inizia il mistero
Di strade sempre uguali nella paura del domani….
La gente fa la storia ma è una storia di solo cuore
a volte imbrigliata nella confusione.
Chissà cosa rimane del tempo andato via
Chissà se tutto questo ha un senso
se un senso gli vogliamo dare.
Scompare l’arcobaleno ci restano solo le emozioni
i ricordi di un luogo gioie e sofferenze interiori.
Ti posso solo esaudire nelle tue fobie è inutile negarlo
vivo anche per questo per far capire che c’è di meglio
quindi prendete esempio e cambiate la vostra posizione
tutto potrebbe complicarsi e aggravare la situazione
Cerchiamo di cambiare sennò va tutto in altomare
scomparirà anche l’arcobaleno quel che resta è un mistero.
Alessandro Lugli
 COME FOSSE UNA DANZA
Verranno i nuovi giorni di speranza
verranno i nuovi giorni di gloria
ci manca una buona nuova ci manca una bella notizia…
in questo mondo cosi colmo d’avarizia
c’è chi brama e chi ti vizia.
Io vorrei un cielo sereno
io vorrei un mattino lieto
io vorrei parlarti d’amore
e chiedere se magari domani piove.
Verrà l’estate con la sua marea
verrà la pioggia con la sua Odissea
Verranno i nuovi giorni di speranza
vorrei viverli in pieno
come fosse una danza
Alessandro Lugli
E’SERA
E’ sera innanzi primavera magica atmosfera…
di rose rosse di stelle accese di amori in corso
di rime sospese.
E’sera il tuo ricordo si avvera
E’sera in questa immensità assieme alla luna che fa da pendant.
E’ sera nella mia malinconia nel mio ricordo di te
triste ma sincero.
E’ sera verranno nuovi giorni di una sognata primavera
sperando in una nuova felicità in rima allegra.
E’ sera c’è chi non dispera e abbraccia l’ovvietà.
Segui sempre la tua strada anche se ogni tuo obiettivo è futile
anche se ogni tuo obiettivo è ormai lontanissimo.
E’sera c’è una strana atmosfera di una imminente e gaia primavera.
Alessandro Lugli
ROSSA
Rossa beltà di una dolce età
lettura perenne di un libro …
di strenne
comuni amenità delle nostre magre età
Viso sincero in un tomento di veleno
Chiese rumorose e treni portentosi
Paura di amare voglia di sognare
leggera allegria in questa malinconia
Alessandro Lugli
DOLCE STELLA
Dolce stella tu che ti muovi nella notte più buia che c’è…
regala luce a questo firmamento per tutta la notte
Non solo per un momento. Accendi luci e amori nei nostri cuori.
E illumina di speranza chi non ne ha più.
Stella ci resti solo tu solo tu ad illuminare il cielo
aspettando che arrivi presto il giorno e il sereno
Alessandro Lugli
GINESTRA
Senza amore non si va avanti
e intanto il mondo vive solo per i contanti.
Senza amore la famiglia non cresce…
e intanto se cresce, la famiglia spesso non riesce!
Senza soldi non c’è amore te lo dico a malincuore!
Allora amiamoci per davvero ma di un amore sincero
senza limiti e nè confini per sentirsi più vicini.
“Lontano col corpo ma vicino col cuore”
è l’inno di questi anni pieni di grigiore.
A volte un barlume di Sole illumina
la nostra finestra quel che esce fuori
è un fiore che tu chiami: Ginestra
Alessandro Lugli
STELLA COMETA
Mi manca il tuo cuore pieno di parole
mi manca il tuo amore pieno di calore…
mi manca il tuo riflesso lucente come uno specchio
eri piena d’attenzioni un incanto di poche parole
sei volata via lasciandomi la tua scia come una stella cometa
piena di segreti.
Piena di piccole parole e di piccoli gesti gesti
che fanno bene al cuore
Al nostro cuore cosi maltrattato e deriso
che cerca un pò di sole un amore condiviso
Come una stella cometa sei andata via
lasciandomi per sempre la tua scia
Alessandro Lugli
 RAGAZZA INNAMORATA
Ragazza innamorata stanotte ti ho sognata
 ti ho anche pensata sotto un cielo di stelle amata…
poi mai dimenticata e come la notte sei poi svanita
Ora sei un prato colorato che odora di natura
non hai più paura grazie perchè per me ci sei sempre stata
Ragazza innamorata che provochi pianto e amore,
misto a tenerezza e rassegnazione gaia ribellione!
Ragazza innamorata una vita ti ho sognata mai
dimenticata in una notte colorata.
Alessandro Lugli
UNA SVOLTA
Un giorno c’eri tu ad illuminare la vita mia, adesso guardo il cielo
e cerco un pò di sereno. Un giorno c’eri tu a darmi speranza
spero di non restare sempre solo in una stanza…
Un giorno ti amavo davvero ma forse amavo solo la mia tenera età
un giorno forse tutta questa solitudine passerà.
Dicono sii forte Dicono che ci vuoi fare: è la sorte
Un giorno speravo che tutto andasse bene adesso
forse basta che mi vuoi bene ma tu sei e sarai solo
amore immaginario di un cuore solitario nato e
cresciuto per forza che aspetta sempre una svolta.
Alessandro Lugli
  LISTE NERE
Età senza amore perso fra le strade del quartiere
misere, miserie… finta onestà. Età al rallentatore ragazz
e che non ci sono più tutti dietro uno schermo di protezion
e cerchiamo attenzione. Età senza più consigli siamo diventati
come birilli che altri ci possono manovrare senza più niente sperare.
Era bella quell’altra età che mai più ritornerà e con le lacrime
agli occhi contavamo i rintocchi. Senza un soldo in tasca
si sperava con molte rime in mano Età senza desideri
protocolli da sfogliare liste nere.
Alessandro Lugli

Tags:

I commenti sono chiusi